MENU

GUTTA CAVAT LAPIDEM

4320
1

La locuzione latina gutta cavat lapidem, tradotta letteralmente, significa la goccia perfora la pietra. Vale come esortazione pedagogica per ricordare che con una ferrea volontà si possono conseguire obiettivi altrimenti impossibili.
La sentenza era un proverbio diffuso e citato da autori di età classica, è documentato infatti in poesia da Lucrezio (De rerum natura, I 314 e IV 1281), da Ovidio (Epistulae ex Ponto, IV, 10 e Ars amandi I, 476) e Albio Tibullo (Elegiae I, 4, 18).
(LA) « Gutta cavat lapidem, consumitur anulus usu »
(IT) « La goccia scava la pietra, l’anello si consuma con l’uso »
(Ovidio, Epistulae ex Ponto, libro IV, 10, 5.)

In tutti questi autori esso, essendo un perfetto hemiepes, si presta sia come primo emistichio di esametro che come membro di pentametro dattilico.
In prosa è invece impiegato in età neroniana da Seneca (Naturales quaestiones IV, 3) Pochi decenni dopo, sempre in ambito naturalistico è documentata anche in greco da Galeno: Κοιλαίνει πέτραν ῥανὶς ὕδατος ἐνδελεχείῃ, cioè Con la costanza un gocciolio d’acqua perfora anche una rupe.
Il significato sicuramente logico è quindi che la goccia scava nella roccia, non con la forza, ma goccia a goccia, appunto, al pari che il tempo e la pazienza possono portare a grandi risultati. Nel corso del Medioevo la sentenza fu ampliata nell’esametro gutta cavat lapidem non vi, sed saepe cadendo, cioè la goccia perfora la pietra non con la forza, bensì con il continuo stillicidio, usando cioè la seconda parte come spiegazione della analogia introdotta dal proverbio.
La si ritrova citata e ulteriormente glossata nella commedia Il candelaio di Giordano Bruno, nella scena sesta dell’atto terzo:
(LA) « Gutta cavat lapidem, non bis sed saepe cadendo, Sic homo fit sapiens non bis, sed saepe legendo»
(IT) « La goccia scava la pietra cadendo non due volte, ma continuamente, Così l’uomo diventa saggio leggendo non due volte, ma spesso »
(Giordano Bruno)

Fonte Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Gutta_cavat_lapidem

GUTTA CAVAT LAPIDEM
Tecnica mista su legno cm 30 x h. 60.
Proprietà privata.